Assicurazioni moto

Carrozzerie convenzionate per le assicurazioni

La riparazione dei veicoli incidentati potrebbe diventare esclusiva di alcuni carrozzieri convenzionati. Lo ha proposto la Confartigianato per ovviare agli imbrogli, agli incidenti creati a tavolino e ai costi sempre più elevati delle polizze. Le nostre assicurazioni sono infatti le più alte con un + 14% rispetto alla media europea. Inoltre le tariffe cambiano da regione a regione con prezzi anche doppi da Sud a Nord.

PREZZI PIU’ BASSI PER RIDURRE GLI ILLECITI

La proposta è stata recepita con attenzione dalle assicurazioni che in cambio di prezzi più bassi avrebbero come tornaconto un maggior controllo delle perizie e la notevole diminuzione degli illeciti. Il risparmio può essere verificato tramite i sistemi online di comparazione delle proposte.

Il mondo delle assicurazioni auto in Italia è una realtà complicata, soggetta a truffe e a mancati pagamenti.  Solo nel 2014 sono state riscontrate dalla Polizia stradale circa 60.000 infrazioni: dal mancato pagamento dell’assicurazione, alla falsificazione, alle truffe accordate con carrozzieri e periti.


Viaggiare senza assicurazione comporta il sequestro del mezzo e una multa che va da 848 € a 3.393 € compresa, in alcuni casi, la revoca della patente per un anno.

Ora spetta al governo decidere se trasformare la proposta della Confartigianato in legge: il legame tra assicurazioni e carrozzieri convenzionati aumenterebbe il controllo delle parti. Le garanzie per le assicurazioni sarebbero tali da far risparmiare sulle polizze.
Resta indubbio che al di là del costo rimane essenziale il senso civico delle persone nell’assicurare i propri mezzi, per garantire se stessi e gli altri.

 

RCA: addio al tagliando cartaceo

 

Grande novità sul fronte delle contraffazioni e delle truffe assicurative. Entra in vigore dal 1 aprile 2015 il decreto ministeriale 110 del 9 agosto 2013, che prevede la cessazione dell’obbligo di esposizione del contrassegno cartaceo dell’assicurazione.


LARGO AL DIGITALE

In sostituzione del vecchio talloncino, ci sarà una rete telematica che fornirà alle Forze dell’Ordine, tramite la targa del veicolo, tutti i dati relativi all’assicurazione dello stesso. Questo database completamente automatizzato sarà frutto dell’incrocio dei dati del P.R.A., del Dipartimento dei Trasporti, degli organi facenti funzione di Polizia Stradale e di tutte le Compagnie Assicurative. Sarà gestito online e visionato all’istante.

Verrà aggiornata in tempo reale al rilascio della polizza assicurativa a cura delle compagnie stesse e garantirà l’impossibilità di truffe e frodi.


MENO TRUFFE, RCAUTO MENO CARE

Uno strumento nato dall’esigenza di porre fine alle numerose truffe assicurative che si verificano ogni anno nel nostro Paese: secondo Ania sono in Italia circa 4 milioni i veicoli che circolano senza assicurazione obbligatoria, circa il 7% delle automobili, con una netta prevalenza nel Sud del Paese.
Questa evasione contribuisce in maniera consistente a fare delle RCA del nostro Paese le più care d’Europa. La speranza è proprio quella che con l’aumento del numero dei paganti possa diminuire i prezzi delle polizze.


CONTROLLI INSTANTANEI CON AUTOVELOX, TUTOR E ZTL

Non sarà necessaria, inoltre, la verifica diretta da parte delle Forze dell’Ordine, perché a questo database potranno accedere anche altri strumenti di controllo del traffico come Tutor, autovelox, T-Red e telecamere delle ZTL, segnalando i veicoli sprovvisti di assicurazione. Starà poi al proprietario del mezzo dimostrare di essere un truffatore, pena il pagamento di una salata multa o addirittura il sequestro del veicolo. Chi è in regola ma non risulta tale potrà poi rivalersi sulla compagnia assicuratrice per la mancata comunicazione online tempestiva o il mancato aggiornamento dei dati relativi all’assicurazione del veicolo.


Sconti sulle assicurazioni

In Italia le assicurazioni per auto e moto sono molto alte.

A seconda della regione e della città in cui si vive, il premio può avere grosse differenze.

Fortunatamente il Consiglio dei Ministri ha diramato un nuovo disegno di legge sui costi relativi alle assicurazioni per auto e moto che ammonta ad una riduzione del 23%.

Nel decreto sono presenti altri punti importanti, tra i quali:

- Sconto del 7% per l’applicazione della scatola nera; -

- Sconto del 4% per il divieto di cessione del diritto al risarcimento;

- Per i servizi di tipo medico-sanitari lo sconto sarà pari al 7%.

Infine, grazie alle assicurazioni online è possibile risparmiare centinaia di euro l’anno.

Assicurazioni moto, possibile diminuzione costi

Per abbattere l’aumento dei costi delle assicurazioni delle moto, l’Ancma (l’associazione dei produttori di moto) e la Fmi (Federazione motociclistica italiana) stanno cercando di creare un prodotto ad hoc, soprattutto visto il mercato negativo ed una diminuzione delle immatricolazioni nel 2013.

L’idea delle associazioni, purtroppo, non è ancora stata attivata

Tuttavia, grazie al nuovo decreto approvato relativo all’abolizione del tagliando cartaceo e all’offerta di rateizzazione delle polizze di Unipol, il mercato della Rc auto non ne risente per niente.

Assicurazioni temporanee per le moto

Le polizze temporanee sono state ideate per coloro che, per vari motivi guidano la propria moto solo durante alcuni periodi dell’anno (weekend o mesi primaverili ed estivi) e non vogliono pagare il prezzo di una polizza RC annuale.

Da qualche tempo è possibile stipularle anche online; le assicurazioni online, infatti, offrono anche la possibilità di stipulare delle polizze di tipo temporaneo, da una durata minima di pochi giorni, ad una massima di sei mesi, con tariffe molto convenienti e affiancate da offerte personalizzabili.

Per richiedere un preventivo alle assicurazioni online è necessario collegarsi al loro sito e compilare il form nel quale si devono inserire i dati (anagrafici, veicolo da assicurare etc); una volta che si ha confermato il preventivo procedere a contattare la compagnia assicurativa per perfezionare la pratica.

Assicurazioni ciclomotori costi in aumento

Una delle spese più onerose degli italiani sono le assicurazioni per i ciclomotori e quelle per le auto. Al pari dell’assicurazione Rc auto le tariffe per scooter e motorini variano a seconda di alcuni parametri come la cilindrata, il valore commerciale del mezzo e l’età dell’intestatario.

Avere più preventivi di diverse compagnie assicurative permette di scegliere l’assicurazione più economica in base alle caratteristiche della polizza offerta e alle esigenze del cliente.

All’intestatario del motorino viene rilasciato un attestato di rischio dove viene indicata la classe di merito specifica per la compagnia di assicurazione con cui si firma il contratto e la classe di merito universale. Confrontando le tariffe proposte in base alla classe di merito specifica e universale dalle varie compagnie, si può trovare l’assicurazione più conveniente sul mercato.

Secondo una recente indagine dell’Ivass, dal 2007 ad oggi si rilevano incrementi delle tariffe del 14% ca per un 18enne che assicura un ciclomotore e aumenti di oltre 30% per un adulto che assicura una moto.

Questi aumenti fanno calare le vendite di motorini e moto con conseguenze notevoli, incrementare le polizze false e mezzi non assicurati.

Assicurazioni ancora costi in aumento.

Da ultime indagine dell’Ivass è emerso che l’aumento della Rc auto arriva anche ad € 400,00 in più dell’anno scorso; alcune categorie di clienti sono inoltre più svantaggiate, come i neopatentati o come chi utilizza uno scooter.

Tra le 21 città campione che l’Ivass sottopone al proprio osservatorio, si registrano aumenti dei costi delle polizze auto all’incirca del 20% nonostante, l’Ania (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) e i consumatori siano di parere diversi.

Ulteriori rincari, di circa il 3,4% tra il 2012 e il 2013, gli hanno subiti gli assicurati delle due ruote, soprattutto i giovani che utilizzano uno scooter e, come per le auto, ne ha risentito di più il genere femminile.

Gli over 50 possessori di auto di grossa cilindrata e i 40enni nella classe Bonus Malus di massimo sconto, hanno avuto delle piccole riduzioni sui costi delle assicurazioni.

Assicurazioni, da ottobre in vigore il risarcimento diretto

Il ministro dello Sviluppo Economico ha dichiarato un cambiamento per quanto riguarda il risarcimento danni in caso di incidente stradale che prevede il rimborso diretto dalla propria compagnia.

Risarcimento diretto, questo il nome del provvedimento, avrà decorrenza da ottobre 2012. Dal mese prossimo infatti, chi sarà vittima di un incidente stradale potrà e dovrà richiedere alla sua assicurazione il rimborso e non più alla compagnia di chi ha causato il sinistro. Per avere diritto a questo “risarcimento diretto” si deve essere in possesso della constatazione amichevole (obbligatoria per legge) ben compilata e il guidatore deve dimostrare di avere ragione.

La propria compagnia assicurativa potrà richiedere il rimborso all’assicurazione dell’altro mezzo coinvolto non prima di avere provveduto, lei stessa, alla liquidazione.