Archivio mensile: febbraio 2015

DDL Concorrenza: risparmi per le assicurazioni

Con il Decreto Legge varato dal governo arrivano novità significative in vari settori cruciali: tra questi le assicurazioni. Gli italiani potranno beneficiare di premi e prezzi vantaggiosi.

 

1)      Obbligo a contrarre

Le imprese di assicurazioni stabiliscono le condizioni e sono tenute ad accettare le proposte che vengono presentate  seguendo le tariffe stabilite.

 

2)       Trasparenza

Gli intermediari delle Rca devono comunicare in modo chiaro le condizioni al cliente prima della stipula del contratto. Contrariamente lo stesso sarebbe nullo. I premi al consumatore devono essere comunicati in via telematica.

3)      Sconti obbligatori

Se sussistono determinate condizioni le società assicurative sono obbligate a praticare degli sconti sul prezzo della polizza. Tra queste ci sono: la disponibilità ad ispezioni, alla presenza di una scatola nera sul veicolo.

 

4)      Identificazione testimoni

In caso di incidenti con danni recati soltanto a cose, i testimoni devono essere comunicati prima della denuncia. Solo questi saranno eventualmente ascoltati da un giudice.

Altre novità sono state decretate per l’assegnazione delle classi di merito, il contrasto alle frodi, procedure di risarcimento.
Le novità sono volte a migliorare le informazioni a disposizione dei clienti oltre che a dar loro la possibilità di essere maggiormente partecipativi per ottenere sconti e agevolazioni in un settore dove i prezzi sono alti.

Calo delle assicurazioni con Solvency II

 

NORME UE

Il Governo italiano ha il dovere di recepire tutte le normative europea, per allineare le proprie azioni a quelle della comunità. Per questo  è stato dato il via libera a Solvency II (Direttiva 2009/138 CE), che contiene disposizioni su assicurazioni vita, rca, danni e riassicurazione. Ora le commissioni parlamentari specifiche dovranno esprimere il loro giudizio.

Le imprese di assicurazione italiane si preparano ad adeguarsi alle nuove regole comunitarie sulla scia dell’aumento sia nel ramo vita che in quello delle assicurazioni auto. Questo cambiamento si aggiunge a quello visibile da alcuni anni nel campo dell’online, dove le stesse aziende hanno creato dei portali per il confronto delle offerte.

MERCATO ASSICURATIVO IN CRESCITA

In Italia, nell’ultimo trimestre del 2014, il prezzo delle assicurazioni auto sono aumentate dello 0,2%, con un prezzo medio di 489 €. Spesso sono i giovani, i nuovi assicurati a dover pagare cifre altissime. Eppure le nuove immatricolazioni auto, in relazione alla netta ripresa del settore, sono i sostanziale aumento.

Cresce anche del 30% il ramo delle assicurazioni vita con una raccolta di 110 miliardi di euro in linea con l’andamento europeo registrato anche nel 2015.

Lo sviluppo del canale online e il reperimento delle normative europee contenute nella Solvency II porterà una rivalutazione delle offerte, migliorie per i premi Rc-auto, concorrenza, sconti per i clienti di lunga data e si spera, un calo dei prezzi per le assicurazioni.

 

La RC Auto omaggio annulla il Decreto Bersani

 

L’ASSICURAZIONE OMAGGIO NASCONDE IL TRANELLO

Alcune case automobilistiche, pur di vendere i propri modelli, hanno incluso nel prezzo di acquisto l’assicurazione in omaggio per il primo o più anni. Un incentivo non da poco e un risparmio concreto soprattutto quando si tratta di giovani che ricercano un auto alla moda e a prezzo contenuto.

Ma dietro questa offerta si nasconde un tranello non specificato che annulla la Legge Bersani. In base a questa disposizione, un nuovo assicurato può inserirsi nella categoria di appartenenza di un familiare con la medesima residenza. Accettando l’omaggio della Rca, allo scadere del periodo gratuito, non sarà più possibile godere della categoria del genitore. Perché? L’agevolazione Bersani è possibile solo per la prima assicurazione dall’acquisto.

Pertanto il risparmio dei primi 12 mesi viene subito perso. Il neo assicurato entrerebbe infatti con la categoria più bassa e i prezzi sono altissimi.

 

RIFIUTARE GLI OMAGGI E AVVALERSI DEL DECRETO BERSANI

L’Ania sottolinea che il giovane può avvalersi della classe di merito del padre solo se all’acquisto dell’auto, nuova o usata, stipula l’assicurazione immediatamente e a suo nome, senza inseguire offerte fuorvianti. Pertanto non conviene assolutamente accettare l’omaggio, piuttosto sarebbe più utile riuscire ad ottenere uno sconto. Infatti le offerte delle aziende annullano il decreto Bersani.

Sono al vaglio della vigilanza sulle assicurazioni le case automobilistiche che propongono l’assicurazione gratuita per uno o più anni. Si cerca di capire se le conseguenze per il cliente vengono spiegate in fase d’acquisto e se l’acquirente conosce le conseguenze a cui va incontro.

All’inizio del 2015 si registra un + 2,6% di assicurazioni auto e moto e un lieve calo del costo delle stesse col -6%.  Il dato va di pari passo con l’aumento delle vendite. Come annunciato dall’ ad di Fiat Chrysler Automobiles il 2015 sarà un anno positivo in tutta Europa per il mercato delle auto e di conseguenza per quello delle assicurazioni.

Google compara le assicurazioni

 

Lo sbarco di colossi mondiali nel mondo delle assicurazioni potrebbe rappresentare la svolta in termini di costi e tempi. Al via negli Stati Uniti, potrebbe sbarcare presto anche da noi.


RIVOLUZIONI IN VISTA

Periodo positivo per le assicurazioni italiane che dopo anni di perdita ottengono bilanci in positivo dal 2013 ad oggi. La crescita e i maggiori ricavi attirano l’attenzione anche di società esterne al mondo delle polizze che tentano in questi mesi di investire nel settore. La sperimentazione avviata oltre oceano potrebbe rivoluzionare anche il nostro mercato.

Le novità riguardano veri e propri colossi mondiali come Apple, Amazon, Facebook e Google che inducono gli operatori di mercato a prendere le contromisure, se possibile, contro multinazionali strutturate online, con budget infiniti e con database aggiornati sui clienti.
Allo stesso tempo aumenta l’impegno delle banche nel settore delle assicurazioni con una concorrenza che migliora la scelta e accresce la concorrenza.


GOOGLE NEL MONDO DELLE ASSICURAZIONI

Google vorrebbe partire dal mercato degli Stati Uniti per lanciare un sito di comparazione assicurativo online che faccia da piattaforma per diverse compagnie assicurative. I clienti potranno confermare i prezzi, i prodotti e scegliere tra un’ampia gamma di offerte.
Google compare auto insurance services” è un progetto che dovrebbe partire entro il primo semestre 2015 con una portata incredibile: circa 400 aziende messe in relazione, una lavorazione che va avanti da 2 anni e la presenza in 26 Stati americani.
In più Google continua a tessere rapporti con Admiral Group per la sua piattaforma “Comparenow” che è  attivo in 48 Stati.
In Europa lo sbarco di Google è previsto più in là ma bisognerà vedere quanti ostacoli incontrerà nello sbarco sul Vecchio Continente.


ASSICURAZIONI ONLINE

Ciò spingerebbe le compagnie assicurative ad investire prima di tutto in tecnologie e digitale. Successivamente la concorrenza dovrebbe ridurre i prezzi delle polizze sul web dove le spese per le società sono meno rispetto al mondo degli agenti.

L’investimento di questi colossi mondiali, insieme alla digitalizzazione della società, rende l’online un passaggio obbligatorio che precede l’effettiva stipula. La gente si informa online prima di scegliere e le aziende sono costrette a svilupparsi in quel settore.  Lo sviluppo e la concorrenza, tra nuovi e vecchi protagonisti, comporta sicuramente un taglio dei costi e dei tempi.