Archivio mensile: febbraio 2013

ASSICURAZIONI in arrivo il contratto base per Rc auto

Previsto un cambiamento sulle assicurazioni auto che dovrebbe aver corso dal primo maggio. Sarà una svolta a favore dei consumatori che farà risparmiare sulla spesa della polizza.

Nel contratto base, così si chiamerà la nuova misura, ci saranno delle specifiche stabilite dalla legge:  limiti per i risarcimenti da parte delle compagnie nei confronti degli assicurati; nessuna franchigia; massimale minimo pari a 5 milioni di euro con limite di 1 milione per danni a persone e a cose; guida libera con copertura valida indipendentemente da chi sia il guidatore del veicolo; bonus/malus.

Il costo del contratto base sarà deciso dalle assicurazioni valutando il veicolo da assicurare, età del cliente, residenza, classe di merito etc. mentre, il valore di ogni garanzia aggiuntiva sarà comunicato a parte.

In questo modo si facilita il cliente a valutare nel modo migliore e più trasparente le varie offerte che gli vengono proposte.

ASSICURAZIONI più onerose nelle regioni meridionali

Sono aumentati i costi delle polizze auto e polizze moto rispetto a l’anno scorso di ca 12,2%.

Da recenti rilevazioni dell’istituto di vigilanza sulle assicurazioni è emerso il rincaro delle tariffe delle polizze inoltre, confrontando compagnie assicuratrici di diverse province d’Italia, emergono differenze tra sesso e mezzi

L’aumento maggiore si registra nelle regioni meridionali mentre, nelle regioni settentrionali l’aumento delle tariffe risulta minore.

A Napoli c’è stato un rialzo di ca il 9% rispetto a Bolzano; a Trento l’aumento è stato di ca l’1%.

Infine dal confronto emerge anche una differenza tra le polizze stipulate da donne o da uomini difatti, le polizze più onerose sono quelle “al femminile”.

ASSICURAZIONi Rc Auto I cambiamenti riportati nel Decreto Sviluppo

Ecco alcune novità legate alle assicurazione RCA riportate nel Decreto Sviluppo.

I contratti dovranno avere la durata massima di un anno a differenza delle condizioni attualmente vigenti che prevedevano scadenze anche di due anni.

Viene abolito il rinnovo automatico della polizza. L’assicurato avrà quindi la facoltà di stipulare un nuovo contratto senza più inviare la disdetta 15 giorni prima della scadenza. Il Decreto Sviluppo è in vigore dal primo gennaio 2013, per le polizze ancora in essere, il divieto di tacito rinnovo andrà a decorrere alla scadenza successiva.

Con queste modifiche Il cliente avrà meno difficoltà nello scegliere la compagnia assicurativa più concorrenziale poiché, le assicurazioni avranno l’obbligo di proporre un “contratto base” uguale per tutte.